AUSL Piacenza: Campagna vaccinazione anti-influenzale 2006

Dal sito dell’Azienda Unità Sanitaria Locale di Piacenza www.ausl.pc.it

logo Azienda Unita' Sanitaria Locale di Piacenza

Campagna vaccinazione anti-influenzale 2006
"Io mi proteggo dall'influenza"

L'Azienda Usl di Piacenza, con la collaborazione di Tempi Spa, Camera di Commercio di Piacenza e con il patrocinio dell'Ordine dei Medici e degli Odontoiatri di Piacenza, presenta la campagna di vaccinazione anti-influenzale 2006. Con l'approssimarsi della stagione fredda, torna infatti in primo piano l'influenza, una malattia infettiva provocata da virus che si verifica annualmente, durante l'inverno, interessando spesso un elevato numero di persone. Per la maggior parte di esse la patologia si risolve in pochi giorni. Per alcuni soggetti (anziani, bambini e adulti con malattie croniche) l'influenza può invece provocare complicazioni anche gravi. Il programma di vaccinazione gratuito, promosso e attuato dall’Ausl di Piacenza in rete con la Regione Emilia Romagna, si pone l’importante obiettivo di prevenire la malattia e, soprattutto, di ridurre le complicanze, l'ospedalizzazione e l'aumento della mortalità nei soggetti maggiormente a rischio.

Epidemiologia dell’influenza nella stagione 2005/ 2006
L’epidemia verificatasi nella stagione 2005/ 2006 è stata la meno intensa degli ultimi sette anni, raggiungendo il picco nella settimana tra la fine di febbraio e l’inizio di marzo (i dati complessivi possono essere consultati sul sito del dell’Istituto superiore di sanità http://www.flu.iss.it). Pur tenendo conto dell’incidenza modesta di sintomi influenzali nell’ultima stagione, viene confermato l’andamento evidenziato in questi ultimi anni: la popolazione anziana risulta costantemente ben protetta, per merito dell’alta copertura vaccinale raggiunta dalla nostra regione.

Obiettivi per la campagna vaccinale 2006/ 2007
Secondo l’assessorato Politiche per la salute della Regione Emilia Romagna, nelle campagne vaccinali realizzate negli ultimi anni sono stati conseguiti risultati sempre più importanti, sia in termini di persone vaccinate sia di protezione della popolazione anziana, target che vede una percentuale di copertura in continuo e sensibile aumento anche rispetto alle medie nazionali. In questo senso, si registra come la maggioranza delle Aziende Usl sia prossima al 75 per cento di copertura della popolazione con età pari o superiore ai 65 anni, con quattro casi (tra i quali è presente Piacenza) in cui tale obiettivo è stato superato. Tali importanti risultati sono stati ottenuti grazie alla proficua collaborazione dei medici di famiglia e dei pediatri di libera scelta, nei cui ambulatori vengono eseguite le vaccinazioni. Occorre tuttavia incrementare ulteriormente il numero di persone a rischio vaccinate, poiché esse possono ottenere benefici più di altre. Dall’assessorato regionale viene poi l’indicazione di potenziare soprattutto la vaccinazione tra gli operatori sanitari, che possono rappresentare fonte di contagio per i propri assistiti e per i familiari e devono garantire la propria presenza durante l’epidemia influenzale. Come evidenziato sopra, la copertura vaccinale a Piacenza per lo scorso inverno è stata buona: il 75,3 per cento della popolazione anziana ha effettuato la vaccinazione nella stagione 2005/2006. Complessivamente, sono stati somministrati 79.252 vaccini (con un aumento del 26 per cento rispetto alla campagna precedente). Rimane invece bassa la copertura vaccinale degli operatori sanitari (33,2 per cento). Per migliorare ulteriormente la copertura, quest’anno l’Azienda Usl di Piacenza ha acquistato 85mila dosi di vaccino, con un significativo aumento rispetto alla precedente campagna.

Target della campagna di vaccinazione anti-influenzale Il vaccino è disponibile GRATUITAMENTE per le seguenti categorie:

1. soggetti di età pari o superiore a 64 anni di età

2. bambini di età superiore ai 6 mesi affetti da:
– 2.1 – malattie croniche a carico dell'apparato respiratorio (inclusa l'asma persistente, la displasia broncopolmonare e la fibrosi cistica)
– 2.2 – malattie croniche dell'apparato cardio-circolatorio, comprese le cardiopatie congenite e acquisite
– 2.3 – diabete mellito e altre malattie metaboliche
– 2.4 – malattie renali con insufficienza renale
– 2.5 – malattie degli organi emopoietici ed emoglobinopatie
– 2.6 – malattie congenite o acquisite che comportino carente produzione di anticorpi, immunosoppressione indotta da farmaci o da HIV
– 2.7 – sindromi da malassorbimento intestinale
– 2.8 – patologie per le quali sono programmati importanti interventi chirurgici

3. bambini e adolescenti in trattamento a lungo termine con acido acetilsalicilico, a rischio di Sindrome di Reye in caso di infezione influenzale

4. bambini affetti da patologie neurologiche e neuromuscolari

5. adulti affetti da patologie croniche quali:
– 5.1 – malattie croniche a carico dell'apparato respiratorio inclusa l'asma
– 5.2 – malattie dell'apparato cardio-circolatorio
– 5.3 – diabete mellito e altre malattie metaboliche
– 5.4 – persone che soffrono o hanno sofferto di processi oncologici
– 5.5 – malattie renali con insufficienza renale
– 5.6 – malattie infiammatorie croniche e sindromi da malassorbimento intestinali
– 5.7 – malattie degli organi emopoietici ed emoglobinopatie
– 5.8 – malattie congenite o acquisite che comportino carente produzione di anticorpi, immunosoppressione indotta da farmaci o da HIV
– 5.9 – patologie per le quali sono programmati importanti interventi chirurgici

6. donne che saranno nel secondo e terzo trimestre di gravidanza durante la stagione epidemica

7. individui di qualunque età ricoverati presso strutture di lungodegenza

8. medici e personale sanitario di assistenza

9. familiari di soggetti ad alto rischio

10. soggetti addetti a servizi pubblici di primario interesse collettivo:
– 10.1 – personale degli asili nido, insegnanti delle scuole dell'infanzia e dell'obbligo
– 10.2 – addetti poste e telecomunicazioni
– 10.3 – dipendenti pubblica amministrazione e difesa
– 10.4 – forze di polizia incluso polizia municipale
– 10.5 – volontari servizi sanitari di emergenza
– 10.6 – personale assistenza case di riposo

11. personale che, per motivi occupazionali, è a contatto con animali che potrebbero costituire fonte di infezione da virus influenzali non umani:
 – 11.1 – allevatori
 – 11.2 – addetti alle attività di allevamento
 – 11.3 – addetti al trasporto di animali vivi
 – 11.3 – macellatori e vaccinatori
 – 11.4 – veterinari pubblici e libero-professionisti

Chi non appartiene alle categorie a rischio.
La vaccinazione contro l'influenza è sicura ed efficace. Coloro che, pur non appartenendo ad un gruppo a rischio, decidono di vaccinarsi, possono acquistare il vaccino in farmacia e rivolgersi al proprio medico di famiglia o al proprio pediatra per la vaccinazione, dietro pagamento della prestazione. Per l'acquisto del vaccino occorre la ricetta medica.

Vaccinati al momento giusto!

L'epidemia stagionale di influenza si presenta ogni anno, durante la stagione invernale, in genere da fine dicembre a fine febbraio e può colpire un gran numero di persone. Vaccinarsi al momento giusto (e quindi almeno dopo la prima settimana di novembre e fino alla metà di dicembre) offre quindi maggiori garanzie circa l'efficacia del vaccino, in quanto la copertura vaccinale inizia a partire da una/due settimane dopo l'iniezione e dura circa 6 mesi. Un anticipo nella somministrazione del vaccino potrebbe, soprattutto nelle persone anziane che presentano risposte immunitarie meno valide, avere come conseguenza un declino degli anticorpi proprio in corrispondenza dei picco epidemico stagionale.

Il programma della vaccinazione

Dal 3 novembre:

– Gli operatori sanitari (degli ospedali e delle case di cura) saranno contattati direttamente della proprie direzioni sanitarie

– Inizia la distribuzione del vaccino nelle Residenze Sanitarie Assistenziali (Rsa), case di riposo e comunità

– I soggetti addetti a servizi di primario interesse collettivo saranno contattati dalle assistenti sanitarie del dipartimento di Sanità Pubblica

Dal 6 novembre al 15 dicembre:

Le persone:

– di età pari o superiore a 64 anni

– i pazienti a rischio, adulti e bambini,

– a rischio per malattia cronica

potranno rivolgersi all' ambulatorio del proprio medico di famiglia o del pediatra di libera scelta. Per queste categorie la somministrazione è gratuita: le dosi di vaccino necessarie sono già state fornite dall’Azienda Usl.

La composizione del vaccino:

Nella stagione epidemica 2006‑2007 i test di caratterizzazione antigenica eseguiti sugli isolati hanno suggerito un cambiamento nel vaccino antinfluenzale che, in seguito alle raccomandazioni dell'Osm, ratificate dall’Emea, avrà, per la stagione 2006‑2007 e per l'emisfero settentrionale, la seguente composizione:

– antigene analogo al ceppo A/Nuova Caledonia/20/99 (H1N1)

– antigene analogo al ceppo A/Wisconsin/67/2005 (H3N2)

– antigene analogo al ceppo B/Malaysia/2506/2004

I medici sentinella

Continua, anche quest’anno, la sorveglianza dell'Istituto superiore di Sanità sull’andamento dell’epidemia attraverso i medici sentinella.

A Piacenza i medici sentinella per la stagione 2006/2007 sono: 1. Miserotti Giuseppe 2. Gregori Giuseppe 3. Sacchetti Roberto 4. Contini Maurizio 5. Peveri Vittorio 6. Centenaro Giovanni Maria 7. Tancredi Massimo 8. Reboli Pietro 9. Bacchi Riccardo

A supporto della campagna di vaccinazione antinfluenzale 2006/ 2007, l'Assessorato per le politiche della Salute della Regione Emilia Romagna ha previsto la distribuzione in tutte le famiglie di un pieghevole informativo che sarà presentato giovedì dall’assessore alle Politiche per la Salute Giovanni Bissoni nel corso di una conferenza stampa a Bologna. Il messaggio sarà inoltre diffuso tramite spot radiofonici

Per ulteriori informazioni i cittadini potranno:

– Cliccare il sito internet www.saluter.it;

Rivolgersi al Numero Verde del Servizio sanitario regionale 800.033.033;

– Rivolgersi all' Ufficio relazioni con il Pubblico (Urp);

. PIACENZA: Cantone del Cristo, I° Piano Polichirurgico ( Tel. 0523.30.31.23) Orari di apertura al pubblico: da lunedì a sabato dalle ore 8.30 alle 12.30 e martedì e giovedì pomeriggio dalle 14.30 alle 17.30;

. VAL TIDONE: viale 2 Giugno, ospedale di Castel San Giovanni ( Tel. 0523. 88.01.31) Orari di apertura al pubblico: giovedì e venerdì dalle ore 8.30 alle 12.30;

. VAL D'ARDA: piazzale San Giovanni 2 – Fiorenzuola ( Tel. 0523. 98.96.20) Orari di apertura al pubblico: da lunedì a venerdì dalle ore 8.30 alle 12.30; martedì pomeriggio dalle 14.30 alle 17.30 e sabato dalle 8.30 alle 12;

. MONTAGNA: via Garibaldi 1, Bobbio ( Tel. 0523. 96.22.20) Orari di apertura al pubblico: da lunedì a sabato dalle ore 8.30 alle 12.30.

You must be logged in to post a comment.